· 

Il 2020 che vorrei... (parte 3 di 3... i 10 propositi)

 

Parte 1 - E dopo il post serioso di intenti...

Parte 2 - Quello tecnologico di desideri...

 

Ecco la Parte 3 - i Propositi per il nuovo anno... che conclude questa tradizionale trilogia.

 

Per me…

 

1- ormai è prestampato… e credo anche noioso nel suo ripetersi: “andare a New York e non tornare…”

Tra poco festeggio il decennale in cui lo scrivo e non lo mantengo…

 

2- una cosa la desidero davvero: ma ci sono molte ruote di ingranaggi da muovere per realizzarla che per una volta spaventa perfino me. La so io e qualcuno lassù in Alto. Ecco… mi sembra una di quelle situazioni dove… si aprono portoni mentre uno chiedeva spioncini… ma poi accade… e quindi… chiedo…

 

3- far cambiare l’interfaccia di personalizzazione delle colonne di ordine del McDonalds sulla scia del software delle loro cugine francesi, dove per togliere la cipolla da un panino non devi aver studiato la mappa mentale di chi ha progettato quei cosi…

 

4- togliere al mio poverissimo francese quella pronuncia che fa pensare ai miei interlocutori di aver a che fare con uno che a colazioni ingoia ogni mattina una scatola di chiodi…

 

5- iniziare il corso di Swift a cui mi sono iscritto. Che la mail dove mi dicono se sono capace ad accedere e che mi arriva ogni settimana è alquanto umiliante…

 

6- visitare gli studios di Harry Potter a Londra. Gaia Giordani… me l’hai promesso…

 

7- realizzare uno scaffale vetrinetta con le 15 bottiglie di vino della mia classifica personale che in questi anni mi sono costruito con sacrifici epatici di non poco conto, ma anche vere esplosioni di gusto, su Vivino.com

 

8- tornare a scuola dei grandi classici del cristianesimo che ho letto tanti anni fa e che ora sono sicuro hanno di nuovo tantissimo di ridirmi e farmi scoprire. Almeno uno al mese.

 

9- realizzare un’app che permetta dal telefono di programmare e controllare in remoto i campanili… ehi, questa dovrei farla sul serio…

 

 

10- Portare Vittorio e Matilde a Gardaland… che sta Leolandia comincia ad essere stretta.