· 

Una serata all'Opera

- E' possibile che 1000 persone nel 2019 siano chiuse in una stanza, tutte con il loro cellulare in mano e che quando si riceve l'avviso (in lingua francese, inglese e italiana) di metterlo via tutte - ma proprio tutte - lo facciano e durante la serata ci si dimentichi davvero di averlo dietro vivendo lo stesso. E' possibile. Quindi non venite a raccontarmela: anche in chiesa, anche durante i funerali... è possibile... sarebbe possibile.

Gli italiani però sono quelli che al termine dell'avviso con gli auguri di "buona sera" dell'annunciatrice rispondono a un cuor solo: "grazie!".

 

- Einaudi non è umano. Te ne accorgi. O meglio: è pienamente umano da mostrare come sia caduta in basso molta parte della specie in questione. Mentre accarezza i tasti con le dita ti rendi conto che è lui la musica: non lo strumento, non l'accoppiata uomo + strumento. E' lui! Hai la percezione che si mettesse ad accarezzare coperchi di pentole il risultato musicale che ne uscirebbe sarebbe lo stesso. Forse anche se accarezzasse l'aria.

 

- Il concerto dura due ore senza intervallo. Ed è diviso in tre parti. 

1- viene proposto un pezzo della serie di sette lavori "Seven Days". Noi ieri sera abbiamo ascoltato "il giovedì mattina". Pianoforte, violino e violoncello.

 

2- Gli stessi tre strumenti si ripropongono dopo il breve discorso sul senso della sua musica da parte del Maestro (quello che fa sempre, con quel suo tono pacato e conciliante, quello dove ti fa sentire dentro un racconto senza complicazioni linguistiche ed immagini astratte ma semplice passione che comunica) con un gioco di luci dove si rincorrono le melodie come fossero linee di un elettrocardiogramma sullo schermo di fondo del Teatro (ma l'immagine più azzeccata che lui usa è di invitarci a vedere tre albe e tramonti sulla linea delle montagne che alla fine fondono il continuo seppur diverso scorrere del tempo)

 

3- Alcuni brani più conosciuti e desiderati del suo repertorio classico. Con il bis conclusivo nell'insuperabile "Solo" che illumina di bianco artista e piano e ti da l'idea che tutto sia almeno in quel momento come dovrebbe essere.

 

- Lo stesso concerto è stato presentato allo Steve Jobs Theatre di Cupertino, sede della Apple. Solo per dire che i buoni stanno tutti dalla stessa parte...